foto attivo unitario fai flai uila

Si terrà il 16 e il 17 maggio prossimo l’assemblea nazionale proposta da FAI CISL, FLAI CGIL e UILA UIL per eleggere la delegazione trattante per il rinnovo del CCNL dell’industria e della cooperazione alimentare. Per la Campania saranno 27 i delegati che parteciperanno all’importante appuntamento nel quale verrà sottoposta l’ipotesi di piattaforma unitaria del settore.

Oggi a Napoli, le segreterie regionali di FAI CISL, FLAI CGIL e UILA UIL Campania si sono riunite con i delegati, RSU e RSA nella sede della UIL Campania per avviare la discussione, emendare ed approvare la proposta di piattaforma unitaria.

«Si tratta di una piattaforma nella quale sono inserite diverse rivendicazioni proposte dai lavoratori frutto di un percorso partecipativo, democratico ed aperto. – ha sottolineato nella sua relazione il segretario generale della Flai Cgil Campania, Giuseppe CarotenutoIn un contesto generale di crisi economica, il settore dell’agroalimentare è stato uno dei pochi a trainare l’economia nazionale, con oltre 140 miliardi di euro di ricavi ed una produzione che ha fatto segnare un incremento del 4.9 per cento mentre altri settori produttivi sono sotto lo zero. È un segnale importante ed è per questo – ha proseguito Carotenuto – che nella piattaforma unitaria chiediamo alla parte datoriale di inserire alcuni punti di tutela per i lavoratori a cominciare dalle questioni che riguardano la salute e la sicurezza, passando per l’organizzazione del lavoro e lo sviluppo professionale, la richiesta di aumento salariale di 205 euro mensili per il parametro 137, per finire con i tempi di conciliazione tra vita e lavoro. Siamo convinti, infatti, che si debba lavorare per vivere e non vivere per lavorare».

All’attivo unitario regionale, presieduto dal segretario generale UILA UIL Campania, Emilio Saggese, hanno presieduto il segretario generale della FAI CISL Campania, Raffaele Tangredi ed il segretario nazionale FAI CISL, Onofrio Rota.