foto landini incontro lavoratori manital

La scelta di venire qui oggi è per mandare un messaggio preciso: sappiamo che la situazione è difficile, che siete senza stipendio da mesi e che c’è un’incertezza sul futuro occupazionale, abbiamo già scritto al nuovo ministro dell’Istruzione per avere un incontro e chiedere il pagamento degli stipendi e la modifica del decreto che prevede la stabilizzazione di tutti i lavoratori. Il problema è ottenere la garanzia di un futuro lavorativo. Di parole ne abbiamo sentite fin troppe, ora è il momento di passare ai fatti concreti”. Così il segretario generale della CGIL, Maurizio Landini incontrando oggi i lavoratori del Consorzio Manital – che operano nel settore delle pulizie degli edifici scolastici – in presidio davanti la sede dell’ufficio scolastico regionale di Napoli. Da mesi senza stipendio, oltre 3mila lavoratori del Lotto 6, che comprende le province di Napoli e Salerno, rischiano anche di restare fuori dal circuito lavorativo poiché il decreto del ministero dell’Istruzione non garantisce, allo stato attuale, il futuro occupazionale di tutti i 10mila lavoratori impiegati sul territorio nazionale.

Per quanto riguarda Manital – ha ricordato il segretario generale CGIL – c’è una richiesta specifica al ministero dello Sviluppo Economico affinchè affronti questa vertenza, come è necessario che venga affrontato in tutte le situazioni di crisi, ed è evidente che non è tollerabile che ci possa essere chi usa il vostro lavoro e non paga lo stipendio. Bisogna garantire – ha proseguito Landini – il fatto che tutti continuiate a lavorare. Faremo tutto ciò che è necessario affinchè nessuno rimanga a piedi. Non sono venuto qui – ha concluso Landini – a fare promesse ma per dire che Cgil, Cisl e Uil sanno della vostra vertenza è una priorità ed è necessario che qui come a Roma,  si mantenga l’unità sindacale che è il punto esaltante di tutta la vertenza”.