foto presidio spi napoli web

Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil hanno promosso presidi in tutte le province della Campania “al fine di sollecitare il governo a dare risposte alla condizione di difficoltà in cui versano milioni di pensionati italiani“.Dopo quello di Caserta il 29 novembre, i presidi si terranno davanti alle prefetture martedì 3 dicembre a Napoli, dalle ore 10,30; giovedì 5 dicembre a Benevento e Salerno, dalle ore 10.30; venerdì 6 dicembre ad Avellino, dalle ore 10.30.

L’iniziativa – dichiara Franco Tavella segretario generale dello Spi Cgil Campania – è mirata ad inserire nella manovra economica l’abbassamento delle tasse anche per i pensionati italiani che contribuiscono in maniera significativa alla fiscalità generale. Si tratta di 16 milioni di pensionati che non possono essere ignorati. Inoltre – continua Tavella – è necessario promuovere una legge sulla non- autosufficienza dando così risposte a migliaia di pensionati non autosufficienti ed alle loro famiglie. Ci sembra questa – conclude Tavella – una legge di civiltà che può dare un aiuto concreto a tantissime persone ed alle loro famiglie che vivono in solitudine una condizione di straordinaria difficoltà, provocando gravi disagi, sofferenze, esclusione sociale ed impoverimento“.