foto ricci manifestazione jabil web

La lotta di Jabil e Whirlpool non si ferma. Oggi a Caserta e Napoli sindacati e lavoratori sono scesi in strada per chiedere alla politica e alle istituzioni da che parte vogliono stare. Se da quella dei lavoratori, che da mesi lottano per difendere il diritto al lavoro o se vogliono stare dalla parte delle multinazionali americane che pensano di poter venire nel nostro Paese e stracciare gli accordi ministeriali”.

Così in una nota il segretario generale Cgil Campania, Nicola Ricci e il segretario generale Fiom-Cgil Campania, Massimiliano Guglielmi che oggi hanno partecipato a Caserta al corteo promosso dalle organizzazioni sindacali e dai lavoratori del sito di Marcianise.

“La politica ha l’obbligo di schierarsi e di capire come fare per difendere quel che resta dell’industria in Campania. Siamo di fronte a due vertenze che, tra diretto ed indiretto, occupano più di mille persone. Il 23 marzo per i 350 lavoratori della Jabil di Marcianise potrebbe essere il giorno del licenziamento: la politica deve impedirlo”.

foto manifestazione whirlpool

Cgil, Cisl Uil – aggiunge il segretario generale Cgil Caserta, Matteo Coppolasono impegnati a costruire un’iniziativa unitaria partendo dalla piattaforma regionale per la difesa e valorizzazione del lavoro industriale a cominciare da Jabil. La Regione Campania si dimostra ancora una volta disattenta nei confronti della provincia di Caserta sui temi delle politiche industriali, delle infrastrutture, dei trasporti, della sanità e della legalità”.