foto ruggi salerno

La Funzione Pubblica CGIL Salerno esprime soddisfazione per il concorso pubblico per 150 posti di OSS a tempo indeterminato bandito dall’ASL di Salerno in forma aggregata con l’Azienda Ospedaliera “Ruggi d’Aragona” di Salerno. Nell’ambito dei posti messi a concorso è stata prevista la riserva, nel limite del 40 per cento dei posti messi a concorso, in favore di coloro che oggi sono a tempo determinato presso le due Aziende da almeno tre anni nello stesso profilo. Inoltre saranno esonerati dal sostenere la prova pre-selettiva i candidati che alla pubblicazione del bando in G.U. siano ancora dipendenti a tempo determinato come OSS presso le due Aziende.

È una vittoria della Funzione Pubblica CGIL, – affermano in una nota il segretario generale Fp Cgil Salerno, Antonio Capezzuto, il segretario provinciale Pasquale Addesso insieme alle Rsu Cgil del “Ruggi” e dell’Asl Salerno – frutto di una rivendicazione legittima a tutela dei precari delle due Aziende, portata avanti con fermezza negli ultimi mesi. Questa organizzazione sindacale, – ricorda la Fp Cgil Salerno – lo scorso 9 novembre in vista della pubblicazione del Concorso, invitò formalmente con nota scritta la direzione generale dell’ASL Salerno a prevedere l’attivazione della riserva prevista dalla legge, e soprattutto all’esonero della preselezione per gli OSS dell’ASL e dell’Azienda già in possesso di rapporto di lavoro a tempo determinato. Quanto determinatosi con la pubblicazione di questo bando – concludono – è un ulteriore tassello che si aggiunge alle richieste fatte da questa O.S. per l’attivazione di procedure concorsuali per contrastare la drammatica carenza di personale esistente in ASL e al Ruggi. Vigileremo senza sosta affinché vengano attivate ulteriori concorsi per le altre figure in sofferenza”.