nicola ricci gil campania

La lettera di Cgil, Cisl, Uil Campania al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

É il momento del coraggio e dell’unità“. Il segretario generale Cgil Campania, Nicola Ricci, in una lettera agli iscritti, ai lavoratori e alle lavoratrici ed ai cittadini campani, lancia un messaggio di speranza in questo momento così delicato per l’intera Nazione.

L’emergenza che stiamo attraversando è forse uno dei momenti più complessi della nostra storia recente. A tutti noi, in queste ore, viene chiesto un sacrificio importante, rinunciando ai nostri quotidiani ritmi di vita. Sacrifici necessari per sconfiggere la pandemia del Coronavirus. In queste ore, raccogliendo l’appello del Presidente del Consiglio, anche noi come sindacato siamo “distanti ma uniti”. I nostri uffici, i nostri servizi – pur con modalità diverse dal solito, nel rispetto dei decreti emanati in questi giorni – restano aperti e al servizio di lavoratori e cittadini.

A livello regionale, in queste ore, si susseguono i contatti con la Cgil nazionale per affrontare insieme questa grande sfida collettiva. Ognuno sta facendo la sua parte affinchè al più presto ci si possa lasciare alle spalle questo momento buio. Nelle prossime ore, in Campania, assisteremo a nuove riduzioni di servizi, al fermo di molte attività produttive. Tutto questo si rifletterà, inevitabilmente, sul mondo del lavoro con ricadute impreviste. In attesa che vengano definite con maggiore chiarezza le misure che il Governo intende mettere in campo per sostenere famiglie e lavoratori, con Cisl e Uil abbiamo chiesto al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, di attivare un canale costante con le organizzazioni sindacali.

Questo non solo è il momento dell’unità e del coraggio, ma anche della condivisione delle scelte. Istituzioni, politica,  sindacato, associazionismo, società civile: tutti devono essere in campo, dalla stessa parte, per sconfiggere questo nemico invisibile.

La Cgil c’è, come c’è sempre stata nei momenti difficili vissuti dal nostro Paese. E continuerà ad esserci. Insieme ce la faremo”.