foto coronavirus regione campania

“Si tutelino anche le relazioni non standard” : è quanto chiede la Cgil Campania dopo aver letto l’ordinanza numero 15 del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca inerente “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”.

Il provvedimento – commenta la confederazione – tutela solo le relazioni “standard” non tenendo minimamente conto dei diritti dei conviventi, persone non sposate, né unite civilmente, spesso costrette in residenze diverse per questioni lavorative o di altra natura e quindi escluse dai nuclei familiari, con o senza figli che, stando a quanto emesso, sono impossibilitati a vivere normalmente e in sicurezza per un tempo, purtroppo, ancora indeterminato. A questi, stando a quanto previsto dal testo pubblicato, può essere invisa la possibilità di accedere al domicilio comune o di accompagnare la propria compagna o il proprio compagno, in caso di necessità, sul luogo di lavoro”.

“Chiediamo al governatore De Luca – conclude la nota – di apporre un correttivo per consentire a tutti i cittadini di poter vivere con serenità una situazione generalmente complessa e a tutti i cittadine e alle cittadine di perseguire comportamenti responsabili nel rispetto dell’intera comunità”.