foto violenza donne

Una boccata di ossigeno in questo tragico momento per il Paese” è il commento della Cgil Campania alla notizia dello stanziamento predisposto, più di 3 milioni di euro (3.144.888), per sostenere le politiche regionali contro la violenza sulle donne. Il decreto firmato  dal ministro per le Pari Opportunità, Elena Bonetti, sblocca l’erogazione delle risorse e consente di intervenire a sostegno di centri antiviolenza e case rifugio senza aspettare che le Regioni comunichino al Ministero le rispettive programmazioni.

Si tratta – sostiene la Cgil Campania – di una scelta opportuna in una fase in cui la macchina amministrativa regionale è focalizzata sulla gestione dell’emergenza COVID-19. La fase straordinaria non deve però consentire deroghe rispetto ai controlli e all’opportuna collocazione di risorse. Aspettiamo di uscire dalla crisi per valutare il piano elaborato dalla Regione. Dello stanziamento complessivo, di circa 30 milioni, un decimo è affidato alla Campania così ripartito: 2.146.888 euro, di cui 1.447.704 per i centri antiviolenza e altri 699.184 per le case rifugio. A questi importi si aggiungono i 998mila euro stanziati per le attività collaterali nell’ambito del piano strategico. È necessario – conclude la nota – che tali risorse siano destinate per il supporto da remoto delle donne che richiedono ascolto e in via prioritaria alle iniziative per l’accoglienza di quelle donne per cui è necessario allontanarsi dalla propria casa, oltre che per la protezione delle operatrici in servizio e l’acquisto di DPI”.