foto ricci incontro regione

Dopo un primo presidio di Cgil Cisl Uil Campania a Santa Lucia ed un calendario di date definite dalle organizzazioni sindacali per protestare sulle vertenze e le crisi che attanagliano numerosi settori, la Regione ha ristabilito il dialogo col mondo del lavoro.

Il primo tavolo della “tregua” ha visto i tre segretari generali di Cgil Cisl Uil – Nicola Ricci, Doriana Buonavita e Giovanni Sgambati – a confronto con il vice presidente della Giunta regionale, Fulvio Buonavitacola e gli assessori al Lavoro e alle Attività produttive, Antonio Marchiello, al Bilancio, Ettore Cinque e al Turismo, Felice Casucci.

Un incontro che non solo ha rimodulato il dialogo, ma ha anche visto la Regione predisporre una serie di “tavoli” , a partire da quello del prossimo 29 marzo su edilizia, logistica e trasporti e quello dell’ 8 aprile sulla sanità. Alcune azioni su Lsu e sulle assunzioni nei centri per l’impiego la giunta, guidata da De Luca, assicura che sono già state avviate, mentre ci si appresta a stabilire anche gli altri  incontri su nodi mai sciolti, come i lavoratori ex Metalfer e quelli dell’ex bacino di Crisi di Caserta e sulle numerose vertenze del momento. Altra decisione presa, nel corso dell’incontro, è quella di un lavoro condiviso, tra regione e sindacati, per proporre degli emendamenti al decreto “sostegni” e per mettere in campo azioni per il Recovery Fund: risorse fondamentali per dare una spinta alla crescita economica ed occupazionale della Campania messa in ginocchio dalla crisi pandemica.

Era doveroso ristabilire un dialogo tra le parti – affermano Ricci, Buonavita, Sgambati – il mondo del lavoro va ascoltato, soprattutto adesso che stiamo attraversando una crisi profonda che avrà effetti catastrofici sulla nostra economia e sull’occupazione. Attraverso il confronto costante noi ci auguriamo anche di poter tracciare insieme soluzioni adeguate e reali per le problematiche che man mano affronteremo”.